esitidigara.it - Il Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e le disposizioni non ammesse al visto dalla Corte dei Conti.


Il Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e le disposizioni non ammesse al visto dalla Corte dei Conti.

Il 10 dicembre 2010 ? stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 288 (S.O. n. 270) il D.P.R. 5.10.2010 n. 207, recante "Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163".
Il testo, destinato ad incidere sensibilmente sul sistema delle commesse pubbliche, consta di 359 articoli e 15 allegati.
La maggior parte delle norme recate dal Regolamento entrer? in vigore il giorno 8 giugno 2011, salvo quelle previste agli articoli 73 (Sanzioni pecuniarie nei confronti delle SOA)  e 74 (Sanzioni per violazione da parte delle imprese dell'obbligo d'informazione) le quali sono entrate in vigore il 25.12.2010.

Occorre, altres?, evidenziare che talune delle norme contenute nel Regolamento in discorso (artt. 72, 79, comma 21, 238, comma 1, 327, comma 2, 357, commi 12, 13, 16 e 17) non sono state ammesse al visto della Corte dei Conti.
Quest?ultima, peraltro, ha di recente pubblicato sul proprio sito internet la Deliberazione n. SCCLEG/28/2010/PREV, adottata il 29.11.2010 dalla Sezione Centrale di controllo di legittimit? su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato, con la quale sono state esplicitate le ragioni della mancata ammissione al visto.

In particolare, almeno due tra le disposizioni sopra richiamate, previste rispettivamente dall?art. 72 e dall?art. 79, comma 21, destano particolare interesse, non solo per l?importanza strategica che rivestono, ma anche perch? sembrano lasciare un vuoto normativo che deve essere sicuramente colmato.

Cos? l?art. 72 del Regolamento ? per quanto detto non ammesso al visto della Corte dei Conti -  recante ?coordinamento della vigilanza sull'attivit? degli organismi di attestazione?, al fine di dare attuazione alla disposizione di cui all?art. 40, comma 4, lettera f-bis del D.Lgs. n. 163/06, prevedeva che ?al fine di garantire un'efficace azione coordinata in materia di vigilanza sull'attivit? degli organismi di attestazione e di armonizzare i relativi flussi informativi, tutti i soggetti deputati a svolgere l'attivit? di vigilanza suddetta garantiscono la circolazione delle informazioni e dei dati in forma esclusivamente telematica, a tal fine rilevanti, nei confronti degli altri soggetti titolari di analoga competenza, con forme e modalit? tecniche fissate con decreto di natura non regolamentare del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sentita l'Autorit??.

Si comprende bene come la materia de qua sia piuttosto rilevante, tanto che lo stesso Codice dei Contratti ne aveva specificamente indicato l?obbligo di esecuzione e attuazione.
Al riguardo, la Corte dei Conti ha evidenziato che con tale norma ?non ? stato attuato il disposto dell?art. 40 predetto, in quanto tale adempimento ? stato demandato ad una fonte amministrativa subordinata e non a quella regolamentare, come previsto dalla norma primaria?.
Contravvenendosi al principio per cui ?non ? consentito demandare una disciplina ad una fonte diversa e sottordinata rispetto a quella espressamente indicata da una norma primaria?.

Del pari, la disposizione di cui all?art. 79, comma 21, in materia di requisiti di specializzazione riferiti alla c.d. categorie super-specialistiche ex art. 37, comma 11 del Codice, prevedeva che ?in attuazione alle disposizioni di cui all'articolo 37, comma 11, del codice, ai fini del rilascio da parte delle SOA dell'attestazione di qualificazione nelle categorie di cui all'articolo 107, comma 2, sono stabiliti, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, con il Ministro dell'economia e delle finanze e con il Ministro per i beni e le attivit? culturali, i requisiti di specializzazione richiesti per l'esecuzione dei lavori relativi alle medesime categorie?.

Anche in questo caso, quindi, coerentemente con quanto rilevato in riferimento all?art. 72 del Regolamento, la Corte non ha potuto non rilevare come la ?menzionata disposizione non [fosse] conforme al dettato dell?art. 37, comma 11, del Codice, in quanto non solo in tal modo non si d? attuazione alla norma medesima a causa del rinvio al ripetuto d.P.C.M., ma anche si contravviene al principio secondo il quale non ? consentito demandare una disciplina ad una fonte diversa, avente natura di atto amministrativo e subordinata rispetto a quella inderogabilmente indicata da una norma primaria?.

Con il risultato per cui due importanti disposizioni contenute nel Codice, quali quelle test? menzionate, riferite ad istituti particolarmente delicati, sono ad oggi prive delle necessarie norme di esecuzione e attuazione.
Resta, dunque, un interrogativo.

In quale sede e con quali strumenti normativi potranno essere colmate tali lacune?
La strada ? indicata dall?ultimo periodo dell?art. 4, comma 5 del Codice dei contratti, secondo cui le modifiche e le integrazioni al regolamento vengono effettuate con le stesse procedure previste per l?adozione del regolamento, e quindi ?su proposta del Ministro delle infrastrutture, di concerto con i Ministri delle politiche comunitarie, dell'ambiente, per i beni culturali e ambientali, delle attivit? produttive, dell?economia e delle finanze, sentiti i Ministri interessati, e previo parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici. Sullo schema di regolamento il Consiglio di Stato esprime parere entro quarantacinque giorni dalla data di trasmissione, decorsi i quali il regolamento pu? essere emanato?.

Percorso non troppo agevole, dunque, e che si spera possa essere portato a termine con tempistiche pi? contenute rispetto a quelle che hanno caratterizzato l?adozione del regolamento stesso.


Avv. Gianni Marco di Paolo
www.contratti-pubblici.it




L'Azienda

Informatel, Azienda leader in Italia nella consulenza alle imprese, offre la più completa ed aggiornata banca dati italiana relativa alle gare d'appalto e agli esiti di gara.

Chi Siamo
I Nostri Clienti
Dicono di Noi
Contatti

Bandi di Gara

Informatel, Azienda leader in Italia nella consulenza alle imprese, offre la più completa ed aggiornata banca dati italiana relativa alle gare d'appalto: appalti pubblici e privati, per edilizia e forniture, anche di piccolo importo, di qualunque settore e categoria (Lavori Pubblici, Forniture, Servizi e Progettazioni).
INFORMATEL.IT

Servizio Esiti di Gara

INFORMATEL offre un servizio dedicato, mediante il portale Esiti di Gara, della più completa e sempre aggiornata banca dati relativa alle aggiudicazioni di Appalti Pubblici banditi su tutto il territorio italiano.

Consulta il portale e avrai la possibilità di gestire tutte le informazioni e fare delle vere e proprie SIMULAZIONI DI GARA.

Get in Touch

  • Phone:
    (+39) 0961 789443
  • Address:
    Viale Magna Grecia, 177
    88100 Catanzaro
    ITALY